La capacità di amare.

Continuo a sentire quell’assurda sensazione, tutte le volte che ci vediamo. Quei baci soffocati dai nostri sorrisi. Siamo nascosti nelle scale di casa tua, la solita storia nascosta. Riesco ad interrompere il silenzio di uno dei nostri interminabili abbracci:

Potrei morire all’idea di sentirti dire: sei mia. Ma non come tu sei solito dire: mio il sedere, mio l’orecchio, mia la pancia. Ma proprio tua in ogni mia piccola parte interna ed esterna. Tua con tutti i miei pregi e difetti. Potrei morire all’idea di avere il diritto di diresei mio. Sarebbe bellissimo poter sentire l’unione di queste due frasi, queste quattro parole eterne.” E’ una di quelle rarissime volte in cui riesco ad esternarti quello che sento.

Tu dolcemente rispondi: “Tu sei mia. Tutta mia. Soltanto mia.

In un istante tocco il cielo con un dito. Mi sento pronta a confessare ciò che provo da tempo, quella sensazione assurda che non so descrivere, non so classificare. Una sensazione stranissima… ho un’insopportabile voglia di piangere e ridere contemporaneamente. E’ come se vivessi gli eccessi di due cose totalmente diverse. Ho in me dolore e felicità, mi sento viva e disperata. Ho voglia di baciarti, ho voglia di morderti, ho voglia di urlare e sussurrarti dolci parole. Ho un’irrefrenabile voglia di dirti “ti amo”. Si, ho voglia di dirtelo adesso. Ho voglia di dirtelo perché ho un nodo che mi preme in gola in modo allucinante. Sto vivendo un momento di amore, un amore che viene dalle viscere, tremendo e divoratore. Riesco a sospirare velocemente: “Credo di essermi innamorata di te.

Tu, quasi incredulo, mi abbracci e rispondi: “Non sei innamorata, mi vuoi soltanto tanto bene. Quando risponderai a quella domanda potrai dire di esserne sicura. Magari hai la risposta già dentro di te, ma non riesci a trovarla.

Dimenticavo quella dannata domanda sull’amore. L’istante chiamato “Amore”. Come faccio ad accorgermi di amare una persona? Ti amo perché ho cominciato a vivere da quando ti ho incontrato? Ti amo perché durante il giorno penso più a te che a me stessa. Ti amo perché ho bisogno di te. Ma non riesco a dirlo ad alta voce! Non riesco a farti un discorso logico, così sto farfugliando qualche parola:

Io ho dimenticato il resto del mondo. Ho cominciato a conoscerti dentro e ho ignorato la bellezza esteriore. Mi piace il tuo essere, il tuo carattere, la tua anima. Mi fai vivere delle emozioni che non avevo mai provato in vita mia. Mi sorprendi in negativo, mi sorprendi in positivo.. ma comunque sorprendi la mia fragile persona! E scusa per questo discorso completamente improvvisato e confuso, ma dovevo dirtelo! E voglio che tu capisca che non è facile per me esternare ciò che provo. Io ci ho pensato su, non sono il tipo che sopravvaluta i sentimenti. Non posso più nasconderlo……… AHH, ora mi sento meglio.

Tu sorridi ingenuamente e mi abbracci forte. Mi fai sentire a casa e teneramente mi baci. Improvvisamente hai qualcosa da confessare anche tu:

Vedi, io non mi sono avvicinato a te per immaturità, come pensi tu. Non lo so neanche io perché mi sono avvicinato così in fretta a te. Non lo capisco e non mi è mai accaduta una cosa simile… avvicinarmi ad una ragazza così tanto più piccola di me. Ma non per l’età o per la bellezza, non lo so, è una cosa assurda ed inspiegabile. E’ accaduto e basta. Ogni tanto mi chiedo cosa ci faccio io qui con te, poi penso che mi piace da morire stare con te e non voglio smettere. Una sera mi hai detto che, secondo te, ho avuto così tante storie e ragazze che adesso sto cercando qualcosa di veramente speciale, bhé… non sto cercando qualcosa di speciale. Anzi, forse si. La capacità di amare.” Ti fermi un attimo, rifletti e ripeti lentamente “La capacità che abbiamo di amare ci distingue“.

Il nostro discorso finisce qui, quando cala la notte e i sogni vengono a farmi visita. Io non so se sarò all’altezza di amarti come vorresti. Io non so come riuscirò ad essere alla tua altezza. E’ pura follia. Follia di averti, di sentirmi tua. Voglia di condividere il mio tutto e il mio niente con te. Ho paura di perderti, ho sempre paura di perderti. Ho paura che ti possano portare via da me. Io non ho niente di speciale da offrirti, ma porto con me la consapevolezza di non poterti e non VOLERTI cambiare.

Annunci

Informazioni su Entalpia

Scrivo come posso, quando posso, dove posso. Scrivo in fretta e furia, come ho sempre vissuto. [Céline] Vedi tutti gli articoli di Entalpia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Un'americana a Roma

Not your average American girl in Rome.

appunti e note

blog di ed. astarte

la bloggastorie

Io metto una lente di fronte al mio cuore per farlo vedere alla gente (Aldo Palazzeschi)

scrittura da strada

Parole libere, veloci, potenti, come pugni nello stomaco

FarOVale

Hearts on Earth

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Selvaggia Scocciata

Mi interesso spesso e mi annoio subito.

Mangiobevoemenefrego

62kg di pasticci culinari.

i discutibili

perpetual beta

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

VETROCOLATO

I MIEI PENSIERI SONO DI VETRO COLATO, NON CI STANNO PIÙ CHIUSI IN UN CASSETTO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: