Archivi del mese: marzo 2014

I nostri limiti e un motto cinese.

Lei.

Passi veloci, quasi isterici. Si guarda intorno, agitata, con la coda dell’occhio. Scorge qualche parcheggiatore nel buio, dietro le macchine. Cerca di dare un’impressione sicura, spavalda. Intanto i suoi pensieri navigano nell’impossibile. Prende le chiavi di casa, le prepara per poter aprire subito il portone ed entrare. L’asfalto è bagnato, le luci illuminano la città silenziosa dopo gli effetti alcolici di un venerdì sera. Il parcheggio è semi vuoto. Il lampione sembra soffrire di una solitudine improvvisa, sembra aspettare il momento in cui la sua luce morirà. Sono le quattro del mattino, lei è sola. Come sempre, rientra in solitudine. Potrebbe essere circondata da migliaia di persone e sentirsi sempre estremamente sola, abbandonata. Dalla bocca aperta esce il vapore acqueo, segno di un freddo pungente. Tiene la sciarpa stretta a se e stringe la borsa, con le chiavi in mano.

L’ascensore non è mai libero o al piano terra. Mai, quando lei vuole prenderlo. Lei soffre di claustrofobia, ha paura di prenderlo, specialmente da sola. Ma quelle poche volte che vorrebbe prenderlo, non c’è mai. Si appresta a salire le scale sbuffando e tenendo la bocca aperta per la fatica. Apre silenziosamente la porta e respira pesantemente. Accende la luce, entra in camera e guarda la sua immagine allo specchio. Gli occhi gonfi, rossi, pieni di sonno. Pieni di lacrime che ancora non riescono ad uscire e ad avere un loro peso. Una treccia le avvolge i capelli, scombinatissimi. Lei ama le trecce, quelle lavorate che partono dall’alto del capo e terminano sotto le spalle. Ama i suoi capelli lunghi.

Fissa la sua immagine allo specchio ed è consapevole di essere poco attraente. I suoi vecchi jeans, gli scarponi e quei maglioni così grandi per il suo corpo gracile. Si guarda intorno, vede le sue vecchie foto appese al muro e si accorge di avere il viso estremamente più magro. Le guance ora sono scavate, come se le avessero succhiato via qualcosa da dentro. La vitalità. L’ottimismo. Quella voglia di sorridere e sdrammatizzare.

Ora lei sente il peso della sua cultura. Sente il peso del suo non essere più superficiale, come un tempo. Come quando aveva le guance piene di vita e di rossore. Come quando portava i tacchi e metteva quei guanti strambi che si abbinavano alle decolleté. Aveva i capelli piastrati, il rossetto rosso e i vestiti curati. Adesso si guarda allo specchio, è un attimo, ma in realtà nella sua testa sta fissando quell’immagine eternamente, come una foto. Si chiede il perché del suo carattere insopportabile, della sua fragilità emotiva, della sua vita sempre nemica. 

Sposta il mucchio di vestiti dall’altra parte del letto, li lascia in disordine, in questo momento ha solo voglia di sdraiarsi e chiudere la sua brutta faccia tra i cuscini. Ha voglia di annegare nelle sue lacrime e di imbrattare le lenzuola di mascara, mentre una canzone gli suona in testa. Vorrebbe vivere un sonno senza sogni, vorrebbe cancellare delle immagini dalla sua testa. Lei si sdraia di lato, abbracciando il cuscino. Pensa a quello che aveva letto durante la mattina, un motto cinese che recitava così:

Ognuno di noi va a dormire ogni notte con una tigre accanto. Non puoi sapere se questa al suo risveglio vorrà leccarti o sbranarti.”

Nessuno può evitare il giudice più spietato e la compagnia più pericolosa: noi stessi. Ogni volta che ci apprestiamo al sonno arriviamo in tribunale, con i nostri limiti. Con loro abbiamo il nostro rapporto più conflittuale. Non ha il tempo di spegnere la lucetta che si addormenta, senza accorgersene. Cullata da brutti pensieri e dalla consapevolezza angosciante di non poter tornare indietro, neanche per un giorno. 

Panta rei.

Immagine

Annunci

Incidenti di percorso.

Smettila di avere un sogno, perché i sogni alimentano la tua vita con illusioni e la distruggono con delusioni. Ogni volta che sono lì, pronta per un’audizione, sono idealmente nuda. I sogni sono ciò che vorresti diventasse un futuro, il tuo futuro. Diciamo che quando li metti alla prova, o ti metti alla prova, sono lì… Davanti a te, come un’ampolla di vetro. Le delusioni sono dei martelletti che continuano a scalfire l’ampolla. A tratti in modo lieve. A tratti in modo violento. Nessuno intorno a te ha idea di quello che sta succedendo, perché è un malessere immaginario. È come se ti stessero piano piano tirando piccoli pezzettini di pelle con una tenaglia calda. E tu piangi, piangi dal dolore e non frega a nessuno. Piangi perché i tuoi sono dubbi seri, dubbi a cui non puoi porre rimedio. Dopo che spendi 15 anni della tua vita dietro un sogno, il tuo sogno, e altre persone venute dopo se lo prendono, come se lo scippassero dalle mani… Il tuo sogno. Perché probabilmente… NON ERA LA STRADA GIUSTA PER ME. Si, eccola che arriva come un pianoforte che ti cade sulla testa, la fatidica affermazione che ti fa contorcere tutto l’apparato nervoso. Era il mio destino? Oppure ho sbagliato? Incidente di percorso?
Avrei potuto fare la fumettista, sono nata con il dono del disegno (e con quello, o ci nasci, o ci nasci… Non lo puoi imparare).
Ero e sono intonata. Avrei potuto seguire delle lezioni di canto, magari.
Sono bravissima a rigirare la frittata. Ma proprio brava! Sono una di quelle persone che odi perché hanno sempre ragione. Avrei potuto fare l’avvocato, iscrivermi a giurisprudenza.
Ho imparato da sola a suonare la chitarra e il pianoforte. Facevo tutto ad orecchio. Poi ho preso pure delle lezioni, abbandonate perché odiavo il solfeggio.
Avrei, potrei, dovrei.
Avrei potuto fare tante cose diverse, invece no. Ho deciso di fare l’unica cosa per cui non ero portata: la ballerina.
Niente aperture, niente piedi, niente en dehors. Niente. Di natura io non ho niente. Quello che sono riuscita ad ottenere è grazie al mio lavoro, ai miei sacrifici.
Oggi, ho deciso che non ne vale la pena. Dopo esattamente 15 anni e mezzo, ho preso consapevolezza di non avere le capacità per realizzare il mio sogno. Oggi, farò cadere io quell’ampolla di vetro, in mille pezzi.
Non è colpa di nessuno, semplicemente sono sempre stata la persona sbagliata nel momento e nel luogo sbagliato

20140313-124759.jpg


Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Un'americana a Roma

Not your average American girl in Rome.

appunti e note

blog di ed. astarte

la bloggastorie

Io metto una lente di fronte al mio cuore per farlo vedere alla gente (Aldo Palazzeschi)

scrittura da strada

Parole libere, veloci, potenti, come pugni nello stomaco

FarOVale

Hearts on Earth

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Selvaggia Scocciata

Mi interesso spesso e mi annoio subito.

Mangiobevoemenefrego

62kg di pasticci culinari.

i discutibili

perpetual beta

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

VETROCOLATO

I MIEI PENSIERI SONO DI VETRO COLATO, NON CI STANNO PIÙ CHIUSI IN UN CASSETTO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: