Archivi del mese: luglio 2014

Antibiotici. Droghe. Persone.

Amare così fortemente qualcuno e non essere compresi è una tortura.
Amare non si fa per qualche condizione o patto stipulato.
Amare si fa incondizionatamente, come l’amore dei genitori per i figli.
Ciò che può turbarmi lo fa solamente per pochi istanti… poi passa, passa tutto in confronto a un’emozione così forte.
Io devo giustificarmi sempre con me stesso per amarti così… e quando ciò accade si scatena un fuoco dentro me.
La mia anima sarà dannata sempre per questo.
Non sei l’unica a non capire.
Sei però l’unica che ho voluto così fortemente nella mia breve vita.

Tortura i pensieri come tortura le sue fragili dita. Scarnifica la pelle e porta in superficie le ferite nascoste. Le umiliazioni subite scherniscono i suoi sentimenti ormai mutati definitivamente. Jean conserva la lettera e prepara la striscia.
La sua dose quotidiana.
Ha deciso di smetterla, con le persone. Ha deciso di disintossicarsi dalle relazioni… Queste infami convenzioni sociali strettamente legate all’ordinario.
Non c’è peggior dipendenza di quella da una persona” si ripeteva la notte prima di andare a dormire… E la mattina… quando si alzava e si guardava allo specchio, incredula di essersi risvegliata anche quel giorno. Per vivere anche quest’altro fottutissimo giorno di merda.
Le persone creano dipendenza e se ne abusi rischi di perdere te stesso.
Jean non si perdeva mai, no. Lei era diversa.
Lei cercava l’adrenalina, cercava l’orgasmico accavallarsi di parole senza senso. La droga ti scuote gli istinti, come le persone. Ne vuoi di più, sempre di più.
Jean era un corpo immune all’antibiotico, alle droghe e alle persone.
L’effetto diminuiva fino a sparire e poi doveva passare ad altro.
Altre persone.
Altre droghe.
Altri antibiotici.

Jean dipendeva dalle persone, dalle sfumature delle persone, dalle vite delle persone. Tutte le vite del mondo, Jean, le conservava in una scatola. Una scatola di vecchie scarpe, nulla di pretenzioso. Le vite delle persone non sono pretenziose, non la maggior parte. Le vite delle persone sono sporche e invadenti. Piene di errori e bugie. Piene di scomodità e di realismo. Di cattiveria e di sofferenza.
Jean si svegliava e, ogni tanto, apriva la scatola per ricordarsi di altre vite. Per ricordarsi delle sue dipendenze. Accadeva quasi sempre in un giorno assolutamente inutile. Uno di quei giorni di cui poteva tranquillamente fare a meno. Insensato. Piatto.
Guardava quei ricordi con un apparente senso di soddisfazione.
Lei aveva vissuto quelle vite per poco, indirettamente, e ne era uscita vittoriosa.
Ma la vittoria era una magra consolazione alla solitudine.

La solitudine di chi non ha mai imparato ad amare.

( Foto di Stefania Cacace – Frame. )

 

Annunci

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Un'americana a Roma

Not your average American girl in Rome.

appunti e note

blog di ed. astarte

la bloggastorie

Io metto una lente di fronte al mio cuore per farlo vedere alla gente (Aldo Palazzeschi)

scrittura da strada

Parole libere, veloci, potenti, come pugni nello stomaco

FarOVale

Hearts on Earth

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Selvaggia Scocciata

Mi interesso spesso e mi annoio subito.

Mangiobevoemenefrego

62kg di pasticci culinari.

i discutibili

perpetual beta

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

VETROCOLATO

I MIEI PENSIERI SONO DI VETRO COLATO, NON CI STANNO PIÙ CHIUSI IN UN CASSETTO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: