Banali retroscena della mia vita di merda.

Io spero che sia solo colpa dell’ossitocina, se in questo momento mi sento morire dentro.

Ho voluto abusare della sostanza meno raccomandabile, dello stato più precario che possa esistere, della condanna peggiore a cui l’uomo decide volontariamente di sottostare: l’Amore.

Io spero che sia solo colpa dell’ossitocina, se in questo momento i miei occhi non smettono di piangere.

E se così fosse vorrei che svanisse in fretta il suo effetto. Vorrei potermene liberare senza neanche accorgermene.

Guardare una persona che hai davanti e non riconoscerla.

Come se un giorno mi svegliassi e allo specchio vedessi un’altra immagine riflessa… un viso più tondo, magari con i capelli più corti e gli occhi scuri.

Impazzirei e comincerei a girarmi e rigirarmi e urlerei, sì che urlerei se l’immagine allo specchio non mi rappresentasse più. Il mio piccolo castello di sabbia, sapientemente costruito, si sta sgretolando per far spazio a un enorme e gigantesco buco.

Rimango incastrata in questo buco schifoso, sommersa dalle mie stesse promesse e dai miei stessi rimorsi. Ho fatto tutto. Ho cercato di amarti, ma evidentemente il mio amore era solo uno scoglio per te.. da arginare nel peggiore dei modi possibili. Mi hai mostrato cosa vuol dire sprecare le proprie energie per qualcosa che non vale la pena di essere vissuto. Tutto quello che volevo era te.

E in questi casi il tempo potrebbe raccogliermi e rimettermi dolcemente al mio posto. Ma il tempo è un bastardo. Scandisce la vita come vuole. La rende un’agonia.

Mi vergogno di essermi innamorata, mi vergogno di pensarci ancora.

Vivo in un loop. Vivo in una continua e perpetua domanda senza risposta. E i silenzi. I silenzi sono insopportabili. I silenzi mi stanno scavando gli occhi e rendendo impossibile la visione di un futuro.

Forse è arrivato il momento di rassegnarmi.

Odiare qualcuno e non potersene liberare.

Tutto cambia. Niente torna come prima. A noi sta il compito di assecondare la vita e di farci trasportare da questo oceano di avvenimenti. E prima mi convincerò di non poter ripristinare il passato… prima ricomincerò a vivere.

IMG_6504

Dicevi che non dovevamo alienarci e diventare dei perfetti prototipi da passeggio… eppure è successo, nel modo più squallido possibile.

Annunci

Informazioni su Entalpia

Scrivo come posso, quando posso, dove posso. Scrivo in fretta e furia, come ho sempre vissuto. [Céline] Vedi tutti gli articoli di Entalpia

6 responses to “Banali retroscena della mia vita di merda.

  • Dottor Jim

    Quando uno considera l’amore dell’altro “uno scoglio”, allora non merita nemmeno un secondo di più di pensieri, rimpianti e altro ancora[eccheccazzo necessario].

    Anzi, quando la mente sarà più fredda e lucida, si ringrazierà che il “polpo” si sia staccato da solo dallo “scoglio” 😉

    Niente cozze, però, eh? u_u 😛

    Un abbraccio carissima :*

    • Entalpia

      Dove si trova il tasto per “andareavantisenzasoffrireeconsumarefazzolettini”?
      Spero che il momento in cui la mia mente si freddi arrivi in fretta…. perché è veramente insopportabile.. e ogni volta ci si ricasca sempre. Sempre.

      Grazie dell’appoggio, almeno virtuale. Un abbraccio a te!
      (vorrei metterla una faccina sorridente, ma sarebbe esageratamente falsa)

      • Dottor Jim

        “Senza soffire e consumare fazzolettini”? Se non fosse l’amore sarebbe l’allergia…..

        Comunque il tasto si trova in testa e nel petto.

        Quando la tua mente provvederà a mettere una riga sul passato, il “pulsante” si premerà da sé. E non darti colpe che non hai (già questo sarebbe un grosso passo avanti).

        Mmm… Mi sa che dovevo fare il dottore veramente 😛

        Niente faccine sorridenti forzate, piuttosto ti lascio un forte (e virtuale) abbraccio, con un buono invito alla più vicina fabbrica di fazzoletti per testare i nuovi prodotti 😉

      • Entalpia

        Chissà se fanno degli sconti ai soci, potrei approfittarne!
        un bacione!

  • cosinonvale

    Se odi qualcuno non te ne libererai.
    L’odio è comunque un sentimento, a volte più forte dell’amore e che si alimenta di volta in volta.
    Ti sarai veramente liberato di qualcuno quando ti sarà indifferente.
    In bocca al lupo!

    • Entalpia

      Cazzo tu hai ragione e, in un certo senso, ne sono consapevole anche io. Il problema è che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare…. UN MARE DI LACRIME!
      Ps: crepi questo lupo bastardo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Un'americana a Roma

Not your average American girl in Rome.

appunti e note

blog di ed. astarte

la bloggastorie

Io metto una lente di fronte al mio cuore per farlo vedere alla gente (Aldo Palazzeschi)

scrittura da strada

Parole libere, veloci, potenti, come pugni nello stomaco

FarOVale

Hearts on Earth

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Selvaggia Scocciata

Mi interesso spesso e mi annoio subito.

Mangiobevoemenefrego

62kg di pasticci culinari.

i discutibili

perpetual beta

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

VETROCOLATO

I MIEI PENSIERI SONO DI VETRO COLATO, NON CI STANNO PIÙ CHIUSI IN UN CASSETTO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: