Matematica applicata alla vita.

Ultimamente ho imparato ad applicare la matematica alla mia vita (visto che comunque la filosofia non funzionava).
Da ciò è uscito fuori che è matematicamente accertato che se tu dai 100, la gente ricambierà solo con il 40; è matematicamente riconosciuto e riscontrato che 1 problema non è mai uno, ma si dirama in tanti altri piccoli problemucci che alla fine, se vogliamo essere ottimisti, ti ritrovi sommerso dalla merda… fino al collo.
Ma a scuola, personalmente parlando, mi hanno sempre insegnato che al massimo mi sarei ritrovata a contare le mele al supermercato, o il resto da ricevere per le suddette mele. Mica me l’ha mai detto nessuno che avrei dovuto scalciare e smadonnare per qualcosa che effettivamente non è in mio potere.
I numeri non sono in mio potere, i numeri non esistono. Sono degli “oggetti” totalmente astratti.
E i problemi?
I problemi sono strani, stanno nella nostra testa, stanno nelle nostre dinamiche mentali. I problemi materialmente non esistono, ma incidono su gran parte della nostra vita. È a causa dei problemi se io, il lunedì mattina, mi sveglio con la stessa voglia di vivere di un bradipo ingessato dal collo in giù. (Ovviamente se io fossi veramente immedesimata in un bradipo non mi porrei tutti questi grandi problemi).
Solitamente ci piace aggrapparci agli altri, questo atteggiamento ci crea quel senso illusorio di benessere. Parlare con un amico mi fa sfogare. Scrivere qui, a voi, mi fa sfogare. Chiacchierare al telefono con mia madre della disposizione degli addobbi natalizi mi fa sfogare. Colloquiare con la mia gatta, credendo veramente che mi possa dare una risposta, mi fa sfogare.
Ma in realtà, cosa ho concluso?
Nulla.
Zero, se vogliamo vederla da una prospettiva numerica.
Spesso quello zero può anche andare sotto e scendere a -1, -2, -568… E più scendi, più fai fatica a risalire. Come se ti fossi riempita di pesi la pancia e ti fossi buttata in fondo al mare in tempesta.
In realtà mi sento così perché, in questo periodo, riesco a prendere bastonate da tutti e tutto. Qualsiasi cosa, davvero, ve lo giuro! Forse è il mio atteggiamento? Oppure mi hanno scambiata per una pignatta e pensano che prima o poi comincerò a sputare fuori caramelle?
Effettivamente non ero molto brava in matematica al liceo, sono sempre stata più filosofa. Ho sempre pensato che tutte queste congetture non esistessero, in realtà esisto io e il MIO modo di vedere le cose.
Cara sottoscritta, mi sa che qui abbiamo sbagliato proprio tutto.
E’ matematicamente accertato che la vita è una puttana con la sifilide. Se ti ci butti a capofitto, lei, come una perfetta bastarda, si sposta e ti lascia sprofondare nella tua stessa illusione. Poi ti guarda dall’alto e ti dice “dai, cogliona, provaci ancora e vedrai che alla prossima ti sfondo!
Ecco. Io adesso la sto guardando dal basso, la mia vita, e devo dire che è veramente una gran stronza. Lei si che è cazzuta. C’ha le palle, insomma.
Forse ho deciso di rimanere rannicchiata sul fondo, sommersa dalla merda a guardare quella brutta bastarda che se la ride e che, da oggi, non avrà più modo di giocare con me. No. Perché io mi tiro fuori da tutti questi fanatismi, mi tiro fuori da tutta questa gente indecisa, mi tiro fuori dalle preferenze degli altri che non ricadono mai su di me, mi tiro fuori da questo gioco di merda… perché è malsano. E’ malsano credere in “qualcosa”.
Che poi questo “qualcosa” che cerchiamo cambia sempre e sei sempre allo stesso punto del cazzo. Sempre. Ferma. Come la tartaruga di Zenone che poverina ci provava, ma come faceva ad andare dal punto A al punto B se in mezzo ci stavano infiniti step da superare? Infiniti come i problemi che ho io in questo momento.
La mia simpatica mente razionale non ha voglia di venire a soccorrermi (e quando mai!?!?!).
La razionalità quando serve non c’è mai, è sempre in letargo; un po’ come la calcolatrice che decide di abbandonarti durante il compito di matematica sulle radici e le proprietà dei radicali.
Forse dovrei ritornare a credere in Dio e dirgli che magari ha mangiato troppo perché la merda che sta buttando qui sotto è INFINITA!

Comunque è matematicamente dimostrato che se io non ci provo, non posso perdere. Se io non mi spendo, posso conservarmi per altro per cui ne varrà veramente la pena.

Vi comunico che l’unica canzone che adesso ho voglia di ascoltare è questa. Per il resto, il prossimo post che scriverò sarà sulle viole e i ciclamini. Non so perché, mi andava di lasciarvi con una vana speranza che io possa ritornare ottimista.

adaptsurvive

 

Annunci

Informazioni su Entalpia

Scrivo come posso, quando posso, dove posso. Scrivo in fretta e furia, come ho sempre vissuto. [Céline] Vedi tutti gli articoli di Entalpia

11 responses to “Matematica applicata alla vita.

  • ammennicolidipensiero

    (ma l’hai scattata tu, la foto?)

  • leparoledinessuno

    Secondo me, per farla franca, bisogna giocare d’astuzia e far finta che non ci importa molto di quello che può farci la vita.
    Ad esempio io mi concentro solo sulle piccole cose … Respirare, ascoltare i rumori fuori e cercare di separarli, osservare le persone ed ascoltare le loro parole. Alla fine, dopo molto allenamento, mi sono accorto che non c’è altro se non questo.
    Macchè sentimenti e similia !
    C’è solo realismo !
    Tocca a noi adattarlo alla nostra sensibilità.

    Ciao.

    • Entalpia

      Forse io non sono mai stata veramente pronta a questo realismo.. Forse sono un’inguaribile sognatrice… Forse non lo so.. Peró proveró a mettere in atto le tue parole.. Magari riscopro qualcosa che ancora non avevo notato. Un bacio.

  • Bratinez

    Credo che sia questione di prospettive. Tu dici che la vedi dal basso, quella puttana della tua vita. Pensa per un momento che, anche se ti sembra che ti abbia atterrato, menato, sbattuto, in realtà sei tu che decidi di stare sopra o sotto, pensa che tu puoi scegliere come reagire a quello che ti fa. Immagina di essere sopra e di vederla nel fango, incazzata. A me verrebbe quasi da darle una mano a rialzarsi. Ma vabbè, non farci caso, questo è il mio modo di affrontare le cose, magari per te non va bene. Però, stando sul matematico, direi che questo approccio non gode della proprietà commutativa: invertendo i fattori, il risultato cambia 🙂

    • Entalpia

      Ecco, questa mi è piaciuta.. il risultato dovrebbe cambiare, già. Dovrei trovare un fattore x che mi porti a cambiare questa prospettiva del cazzo! Il tuo modo di affrontare le cose è sicuramente più giusto del mio… solitamente non mi abbatto così, però sai quando ti guardi intorno e sei convinto che il mondo ce l’abbia con te? E’ esattamente così che appare ai miei occhi!

      • Bratinez

        Non c’è giusto o sbagliato quando si parla di sfera personale, credo. Penso ci sia vantaggioso o non vantaggioso/utile o inutile: quale dei due approcci ti fa star meglio? E comunque, sì, so cosa vuol dire guardarsi intorno e dire: oh, ma c’ho una calamita sulla schiena?! 😉

      • Entalpia

        Probabilmente la sfiga ce la chiamiamo noi, con il nostro atteggiamento. Siamo sempre allo stesso punto: modo di vedere… dipende tutto da come ti approcci. Sicuramente il tuo è più vantaggioso, fidati!!! Infondimi un po’ di buon senso! TI PREGO! 😀

      • Bratinez

        Il mio atteggiamento viene dalla rottura di maroni a star sempre per terra e vedere la vita come una tiranna stronza. Un giorno ho detto: sai che c’è? Fanculo, decido io come voglio stare. Poi, non è che sono diventata un cyborg, eh, però ora so come rialzarmi, diciamo 🙂

  • cosinonvale

    Io non ho ancora capito come si possa fottere questa vita. Forse la vediamo troppo come nemica..come “persona da fregare”..invece dovremmo farcela amica..Io, dopo 32 anni, non ho ancora capito come si faccia però..
    Comunque al liceo mi dicevano che chi era bravo in filosofia lo era anche in matematica, perchè per ragionare serve un certo ordine e certi schemi mentali. Quindi applicare la matematica alla vita forse è come filosofeggiare 🙂

    • Entalpia

      Mi rincuora questo commento perché vuol dire che i miei studi non sono andati perduti. Alla fine vedere la vita con filosofia (più o meno positiva) è intrinseco in me, nel mio modo di vedere e nella mia scrittura. Comunque io in matematica ero una schiappa! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Un'americana a Roma

Not your average American girl in Rome.

appunti e note

blog di ed. astarte

la bloggastorie

Io metto una lente di fronte al mio cuore per farlo vedere alla gente (Aldo Palazzeschi)

scrittura da strada

Parole libere, veloci, potenti, come pugni nello stomaco

FarOVale

Hearts on Earth

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Selvaggia Scocciata

Mi interesso spesso e mi annoio subito.

Mangiobevoemenefrego

62kg di pasticci culinari.

i discutibili

perpetual beta

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

VETROCOLATO

I MIEI PENSIERI SONO DI VETRO COLATO, NON CI STANNO PIÙ CHIUSI IN UN CASSETTO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: